Ti presentiamo

ResidenzeSainte Maxime

Via Barelli, Selvazzano dentro (PD)
Consegna Febbraio 2022
19 unità abitative
Contattaci

A Selvazzano Dentro (in provincia di Padova), in angolo tra le vie centrali Barelli e La Pira, attorniato da un parco e nelle vicinanze di un asilo, delle scuole primarie e secondarie e del capolinea dell’autobus urbano, Bosco Costruzioni sta costruendo delle abitazioni suddivise in due strutture a quattro livelli, rispettivamente di 9 e 10 appartamenti. Ogni appartamento ha a disposizione al piano terra un garage doppio collegato direttamente al vano scale.

Desideriamo presentarti le più importanti caratteristiche e tecnologie che saranno presenti nel tuo nuovo appartamento:

  • è presente l’impianto FTTH (fiber to home) a banda ultra larga in fibra ottica: serve per una navigazione in rete ultra veloce e stabile (fino a 100 MB);
  • l’impianto di riscaldamento e raffrescamento è a pavimento con deumidificazione integrata;
  • una pompa di calore alimentata da un impianto fotovoltaico: serve per produrre energia elettrica pulita per riscaldare, raffrescare, produrre acqua calda sanitaria;
  • viene installato il sistema VMC (ventilazione meccanica controllata): serve per il continuo ricambio dell’aria e per il suo filtraggio;
  • vi consegneremo una “chiave unica”: una sola chiave per aprire tutte le serrature di proprietà e delle parti comuni;
  • ogni appartamento ha certificazione energetica A4, a emissioni 0 di CO2;
  • il portoncino d’entrata è blindato, con limitatore di apertura, spioncino e anta piana;
  • le parti comuni sono illuminate con luci led;
  • i serramenti esterni sono in PVC con triplo vetro, installati con posa certificata e con avvolgibili motorizzati (opzionali per le vetrate della zona giorno);
  • zerbini personalizzati con logo Bosco Costruzioni e coordinati nei colori tra l’ingresso principale e quello di ogni singolo appartamento;
  • le porte interne hanno cerniere a scomparsa e una maniglia dal design moderno e coordinato con il portoncino d’entrata.

Il team di Bosco Costruzioni, ha previsto ogni dettaglio e ha ricercato soluzioni raffinate e curate nel minimo particolare.

Gallery fotografica

Unità abitative disponibili

1/19

Zone comuni

Punti di interesse

Farmacie / Ospedali Parchi Scuole Supermercati Mezzi pubblici

Capitolato

Cilindro di Sicurezza CISA Astral Tekno Pro

I portoncini blindati sono dotati di Cilindro di Sicurezza, che garantisce sicurezza, grazie all’elevata resistenza agli attacchi e alla duplica della chiave protetta, e comodità, grazie alla possibilità di aprire tutti gli accessi con una sola chiave. In caso di tentata effrazione, infatti, avviene una rottura controllata in un punto prefissato, proteggendo in questo modo il cuore del cilindro che rimane all’interno della serratura e perciò difficilmente estraibile. Ad avvenuta rottura è comunque possibile utilizzare le chiavi per aprire la porta dall’esterno. Il sistema assicura inoltre una speciale protezione al bumping grazie alla tecnologia brevettata, al picking, grazie ai controperni flottanti e al trapano grazie al sistema di cifratura in acciaio temprato. Ogni appartamento è dotato di 3 chiavi che aprono tutte le principali serrature (porte di servizio, cassetta postale, garage e portoncino blindato). La duplicazione delle chiavi è autorizzata solamente presentando la Security Card presso i centri autorizzati.

Cantiere

Tutte le realizzazioni di Bosco Costruzioni poggiano su basi solide, a partire dall’attenzione con cui viene allestito e condotto il cantiere. Nel massimo rispetto delle più severe normative di sicurezza a tutela degli addetti ai lavori, ogni dettaglio è curato nei minimi particolari, con il preciso obiettivo di ottenere un edificio sano, sicuro e di assoluta qualità strutturale ed estetica.

Strutture

Tutte le opere realizzate da Bosco Costruzioni vengono infatti realizzate tramite impiego di blocco cassero armato e solai in cemento armato, entrambi gettati in opera. Vengono così garantite le più elevate prestazioni antisismiche ed acustiche, evitando allo stesso tempo la presenza di colonne portanti all’interno delle abitazioni, per offrire ai nostri clienti la massima libertà architettonica e la totale possibilità di personalizzare gli spazi in base alle singole esigenze ed al proprio gusto.

Murature

Le murature perimetrali portanti del piano primo, secondo e terzo saranno composte da blocchi cassero in legno cemento della Isobloc o equivalenti, spessore 43 cm (46 cm circa intonacato) con 16 cm di isolamento termico in EPS graffitato e 18 cm di calcestruzzo, armato come da calcoli strutturali. La muratura divisoria tra le unità di tutti i piani sarà composta da una muratura stratificata dello spessore totale di 47 cm e, precisamente, avrà un’anima centrale in calcestruzzo armato sp. 20 cm, doppio strato di lana di roccia, uno per parte, sp. 4 cm e doppia tramezza pesante sp. 08 cm, uno per parte, oltre all’intonaco di finitura. La muratura verso il vano scala di tutti i piani sarà composta da una muratura stratificata dello spessore totale di 44 cm e, precisamente, avrà un’anima centrale in calcestruzzo armato sp. 20 cm, uno strato di lana di legno mineralizzato accoppiata con EPS bianco sp. 5 cm verso il vano scala e, uno strato di lana di roccia sp. 8 cm e, tramezza pesante sp. 08 cm, il tutto verso l’unità abitativa, oltre all’intonaco di finitura. I divisori interni saranno in tramezza forata da 08 cm con sottostante fettuccina in materiale fonoassorbente sp. 05 mm. Al piano terra, i muri perimetrali e divisori tra garages e disimpegno, saranno in calcestruzzo armato sp. 20 cm, finiti a vista e tinteggiati di bianco compreso il soffitto.

Solai piani infrapiano e copertura

I solai infra-piano saranno in calcestruzzo pieno, gettati in opera, armati e dimensionati come da calcoli strutturali; mentre i solai a sbalzo, esterni alla muratura perimetrale (poggioli/ cornici), saranno eseguiti completamente in EPS misto alla nervatura e cappa di calpestio in CA e comunque come da progetto dello Strutturista. I solai inclinati della copertura avranno una struttura in laterizio con relativa cappa in C.A. sulla parte superiore, come da indicazione della D.L.. Il pacchetto di isolamento/ impermeabilizzazione della copertura è così composto: guaina bituminosa sp. 3 mm saldata a fiamma (barriera vapore) + 12 cm pannello isolante in XPS (estruso) + 4 cm di pannello isolante in poliuretano sfiammabile + doppia guaina bituminosa posata a caldo sp. 4 mm cadauna, sovrastante strato di tegole in cemento colori e forma scelte dalla Committenza sulla parte inclinata, tessuto non tessuto e strato di ghiaino lavato sp 2/3 cm per la parte piana e comunque come da progetto del Termotecnico.

Il cuore della casa

L’impianto idraulico dell’edificio sarà del tipo centralizzato, una centrale per ogni vano scala; il generatore sarà costituito da pompa di calore di marca IDM Mod TERRA AL di adeguata potenza; sarà in grado di fornire all'edificio climatizzazione invernale, estiva e l’energia da dedicare alla produzione di acqua calda sanitaria.

La gestione del sistema sarà affidata al regolatore integrato nella macchina che curerà il funzionamento della stessa autonomamente in base alle esigenze del fabbricato e dei suoi occupanti. Il sistema di regolazione IDM oltre a gestire la pompa di calore: controllerà tutti gli apparati connessi all'impianto di climatizzazione e acqua calda sanitaria; verrà connesso alla rete internet con la possibilità di monitoraggio e comando da remoto; si interfaccerà con l’impianto fotovoltaico; sarà connesso ad un servizio di previsioni meteo per comunicare alla macchina quali siano le condizioni meteo presunte in modo che lo stesso possa divenire un “Manager energetico” in grado di ottimizzare gli apporti gratuiti (Es. Energia fotovoltaica). La pompa di calore verrà posizionata in copertura, i rimanenti componenti verranno collocati sempre in copertura in apposito locale tecnico; verranno installati i serbatoi di accumulo, le pompe di rilancio, il sistema di produzione istantaneo dell’acqua calda sanitaria e il sistema di trattamento acqua. L’edificio verrà dotato di sistema di ricircolo sanitario in modo che, ad orari prestabiliti, in tempi brevi l’acqua calda sanitaria venga approntata alle utenze. L’impianto sarà dotato di contabilizzatori d’utenza che verranno posizionati nel vano scala e in locale tecnico; misureranno l’energia utilizzata da ogni singola unità abitativa per la ripartizione dei consumi per riscaldamento, raffrescamento e acqua calda sanitaria.

Impianto di riscaldamento

L’impianto di riscaldamento e raffrescamento sarà del tipo a pavimento posato su apposito pannello isolante, l’impianto di ogni singola unità abitativa verrà suddiviso in tre zone (zona giorno, notte e bagni) comandato da termostati ambiente di temperatura. L’impianto di raffrescamento sarà affiancato dall’impianto di deumidificazione, incassato a soffitto nei locali accessori, con le bocchette di diffusione nella zona giorno e nella zona notte e dotato di regolatore di umidità (deumidostato). Gli appartamenti saranno dotati di sistema di ventilazione meccanica, progettato e dimensionato dal Termotecnico, della ditta Alpac o equivalenti, con scambiatore di calore a flussi incrociati ad alto rendimento, con portate d’aria dai 15 ai 40 mc/h, con consumi dai 2 ai 15 W, sistema di filtraggio G4/F7; installati a bordo serramento. Il cuore della casa L’impianto idraulico dell’edificio sarà del tipo centralizzato, una centrale per ogni vano scala; il generatore sarà costituito da pompa di calore di marca IDM Mod TERRA AL di adeguata potenza; sarà in grado di fornire all’edificio climatizzazione invernale, estiva e l’energia da dedicare alla produzione di acqua calda sanitaria. La gestione del sistema sarà affidata al regolatore integrato nella macchina che curerà il funzionamento della stessa autonomamente in base alle esigenze del fabbricato e dei suoi occupanti. Il sistema di regolazione IDM oltre a gestire la pompa di calore: controllerà tutti gli apparati connessi all’impianto di climatizzazione e acqua calda sanitaria; verrà connesso alla rete internet con la possibilità di monitoraggio e comando da remoto; si interfaccerà con l’impianto fotovoltaico; sarà connesso ad un servizio di previsioni meteo per comunicare alla macchina quali siano le condizioni meteo presunte in modo che lo stesso possa divenire un “Manager energetico” in grado di ottimizzare gli apporti gratuiti (Es. Energia fotovoltaica). La pompa di calore verrà posizionata in copertura, i rimanenti componenti verranno collocati sempre in copertura in apposito locale tecnico; verranno installati i serbatoi di accumulo, le pompe di rilancio, il sistema di produzione istantaneo dell’acqua calda sanitaria e il sistema di trattamento acqua. L’edificio verrà dotato di sistema di ricircolo sanitario in modo che, ad orari prestabiliti, in tempi brevi l’acqua calda sanitaria venga approntata alle utenze. L’impianto sarà dotato di contabilizzatori d’utenza che verranno posizionati nel vano scala e in locale tecnico; misureranno l’energia utilizzata da ogni singola unità abitativa per la ripartizione dei consumi per riscaldamento, raffrescamento e acqua calda sanitaria.

Impianto elettrico

La tecnologia dell’impianto elettrico sarà standard di livello 1 della Biticino serie Living Light o equivalente di colore bianco. Sarà eseguita la predisposizione dell’impianto allarme perimetrale e volumetrico, compreso la cablatura dei contatti magnetici sulle finestre, porte finestre, vetrate e portoncino blindato. Sarà montato uno o più punti luce esterni (a discrezione della D.L.) su ogni portico e/o terrazza compreso di corpo illuminante con comando manuale dall’interno dell’appartamento

Impianto a fibra ottica

Sarà installato l’impianto FTTH, (Fiber to the Home – Fibra fino a Casa), ossia impianto a banda ultra larga (BUL), connesso con cavo in fibra ottica, compreso di tutti gli accessori per il corretto funzionamento e precisamente CSOE TV, CSOE FTTH componente di smistamento dalla rete del gestore telefonico ai vari appartamenti e servizi, cavo di distribuzione in fibra ottica a 4 fili, STOA apparato per la giunzione e smistamento delle fibre all’interno di ogni appartamento, TDT componente di interconnessioni ottiche dei servizi (antenna e satellitare).

I bagni saranno due per ogni unità escluso i mini appartamenti.

Bagno 01:

un vaso sospeso Ideal Standard modello Tesi New corredato di doppio pulsante di scarico acqua della Geberit modello Sigma; un bidet sospeso Ideal Standard modello Tesi New con miscelatore esterno della Mamoli serie “Logos +”; un lavabo sospeso Ideal Standard modello Tesi New con miscelatore esterno della Mamoli serie “Logos +” e sifone a vista cromato; un piatto doccia Ideal Standard modello Ultra Flat S dim. 100 x 80 cm con miscelatore incasso a 2 vie Mamoli serie “Logos +”, con doccino e soffione diam. 25 cm;

Bagno 02 (escluso i mini appartamenti):

un vaso sospeso Ideal Standard modello Tesi New corredato di doppio pulsante di scarico acqua della Geberit modello Sigma; un bidet sospeso Ideal Standard modello Tesi New con miscelatore esterno della Mamoli serie “Logos +”; un lavabo sospeso Ideal Standard modello Tesi New con miscelatore esterno della Mamoli serie “Logos +” e sifone a vista cromato; un piatto doccia Ideal Standard modello Ultra Flat S dim. 120 x 80 cm con miscelatore incasso a 2 vie Mamoli serie “Logos +”, con doccino e soffione diam. 25 cm.

Cucina

La cucina avrà un attacco acqua calda + fredda + lavastoviglie, scarico e non ci sarà la rete del gas. Ogni appartamento sarà dotato di un rubinetto a muro con attacco porta gomma per l’acqua fredda nel terrazzo della zona giorno e uno in garage. Tutta la parte meccanica (idraulica) è eseguita in base al progetto e direzione dei lavori del Termotecnico

Pavimenti

Zona giorno potranno essere in gres porcellanato posati dritti con fuga dimensioni 40 cm x 40 cm x 1 cm, 30 cm x 60 cm x 1 cm. Zona notte (camere, disimpegno notte) potranno essere in legno prefinito dimensioni 120 cm x 15 cm x 1 cm, in rovere spazzolato tonalità naturale o cenere, posati a “correre”. Spessore massimo ammissibile per i pavimenti in legno mm 10 (dieci), con spessori superiori non vengono garantiti i consumi energetici indicati nell’APE (attestato di prestazione energetica) di ogni singolo immobile. Battiscopa: in legno laccato bianco h. 5 o 7 cm su tutti gli ambienti escluso i bagni. Bagni: pavimenti e rivestimenti in gres, il rivestimento sarà presente solo sui bagni, sarà posato fino ad un’altezza di 120 cm circa e 210 cm sulla doccia. Ripostiglio: pavimento in gres, posato dritto con fuga, rivestimento non previsto. Rivestimento cucina non previsto; Pavimento terrazze: saranno in gres porcellanato posati dritti con fuga, colore e formato a discrezione della Committenza. La scala condominiale sarà rivestita in marmo tipo Biancone Asiago spazzolato con pedata da 02 cm e alzata da cm 02 senza toro o a discrezione della Committenza. La pavimentazione dei viali carrai e delle aree di manovra sarà in pavimento autobloccante, con colore e formato a discrezione della Committenza. La pavimentazione dei garages sarà in calcestruzzo con finitura al quarzo e lisciato opaco, colore grigio o equivalenti, a discrezione della Committenza. Gli ingressi pedonali ai due vani scala saranno eseguiti in pavimentazione di graniglia di marmo gettata in opera, colorazione a discrezione della Committenza.

Serramenti

I serramenti esterni saranno in PVC bianco, con triplo vetro basso emissivo e doppia camera con gas Argon all’interno, anta/ribalta su tutte le finestre e porte finestre, maniglie e ferramenta cromo-sanitata o bianca a discrezione della D.L. Su tutti i fori verso l’esterno (esclusi gli alzanti scorrevoli) saranno montati dei cassonetti in polistirene estruso (xps), coibentati, per avvolgibile nello spessore della muratura, con spalle in polistirene estruso (xps) sp. 65 mm con inserite le guide in alluminio di scorrimento, con ispezione dall’esterno. Tutti gli avvolgibili saranno in alluminio con scorrimento su guide in alluminio incassate a muro lateralmente, con spazzole antirumore e saranno motorizzati elettronicamente con comando interno su ogni foro. Gli alzanti scorrevoli presenti nella zona giorno saranno in PVC bianco, con triplo vetro basso emissivo e doppia camera con gas Argon all’interno, maniglione di apertura/chiusura cromosanitato o bianco a discrezione della D.L. e soglia in alluminio con taglio termico. Le porte interne (a battente o a scomparsa) saranno in laminato bianco, lisce, con maniglie e ferramenta cromo-satinata. Il portoncino blindato sarà con pannello interno laminato bianco compreso la cassa ed esterno pantografato e verniciato a discrezione della Committenza, maniglia e spioncino cromosatinato, classe di effrazione 3, cilindro europeo. Le chiusure dei garages saranno con un portone basculante in lamiera zincata, verniciato bianco a pennello cieco, predisposte alla motorizzazione.

Tinteggiature

Il rivestimento esterno dell’edificio, sopra all’intonaco, sarà del tipo Venezia (intonachino) applicato sopra all’intonaco di tonalità a discrezione della Committenza. Le tinteggiature dei muri e soffitti interni alle unità abitative saranno in due mani di pittura semi lavabile traspirante mentre nei garage sarà di una mano. Le tinteggiature delle pareti del vano scala saranno in calce rasata o gesso lisciato con tonalità a discrezione della Committenza.

Opere da fabbro

La chiusura degli accessi carrai condominiali sarà eseguita con cancelli in ferro zincato e verniciato colore a scelta della Committenza e saranno motorizzati elettricamente con 2 radiocomandi per ogni unità. Le recinzioni fronte strada e fronte parco saranno formate da zoccolo in cls h. 20/50 cm, stanti e rete plastificata con maglie a rombo dim. circa 5 x 5 cm con relativa siepe rampicante in Gelsomino su tutto il perimetro, con un’altezza massima da terra di 150 cm circa.

Ascensore Sarà installato un ascensore per ogni scala, con 4 fermate (piano terra, primo, secondo e terzo), la cabina sarà rivestita completamente in acciaio lucido con pavimentazione come vano scale e comunque a scelta della Committenza. Il vano tecnico delle centraline sarà posizionato nel sottoscala del piano terra o nella spalla della porta all’ultimo piano.

Scarichi acque bianche e nere

L’edificio sarà dotato di una rete interna di scarichi delle acque piovane, compresa di tutte le caditoie necessarie per raccogliere le acque, e collegata alle rete pubblica, e una rete interna di scarichi delle acque nere dei bagni e delle cucine collegata alla rete pubblica delle fognature. Le tubature delle acque nere inserite dentro ai muri o ai solai in cui passeranno i liquidi di scarico saranno di materiale ad abbattimento acustico. Le tubature delle acque bianche saranno incassate dentro ai muri e ai solai, sia per la raccolta delle acque della copertura, sia per le terrazze/ logge e saranno di materiale ad abbattimento acustico, non ci saranno tubature esterne di scarico. Lo scarico delle terrazze e poggioli sarà formato da pilette in pvc dim. 20x20 e disposte nel mezzo degli stessi per il deflusso delle acque o con caditoia lineare a bordo parapetto del terrazzo.

Vuoi toccare con mano
la qualità dei materiali e delle finiture
che abbiamo utilizzato?